I 7 Errori da non commettere durante un Trasloco

Gli errori che si possono commettere nella preparazione di un trasloco o durante lo stesso sono numerosi.
Traslochi Boris ha stillato una classifica che riporta quelli più diffusi, per un totale di 10. 
Prestando attenzione e mantenendo la calma, in realtà si possono evitare facilmente.

1. RACCATTARE SCATOLONI

scatoloni per trasloco milano

Aspettare la chiusura dei supermercati ed appostarsi come dei veri Arsenio Lupin potrà sembrare una meravigliosa idea, per il vostro portafogli, ma vi state sbagliando. Innanzitutto, non è possibile stabilire la resistenza e i chilogrammi di portata. Utilizzarne uno per le masserizie e ritrovarsele bellamente frantumate, perché il cartone non ha retto il loro peso, non sarebbe l’ideale.
Inoltre, non sono da trascurare le condizioni igieniche delle suddette scatole, in quanto non possiamo sapere di quali merci siano stati contenitori. Per lo meno, non sarebbe auspicabile trasportare le lenzuola del proprio letto in uno scatolone per il trasporto del pesce. O no? 
Traslochi Boris offre la possibilità di farti ricevere quante e quali scatole vuoi direttamente al tuo domicilio, 

2. ACCETTARE PREVENTIVI SENZA AVER FATTO DOMANDE

Uno dei principi fondamentali dell’azienda Traslochi Boris è la trasparenza.
Qualsiasi sia il servizio richiesto, viene incluso sempre il necessario per svolgere professionalmente il lavoro. Non avrebbe senso escludere il necessario e l’essenziale, per colpire il cliente con un prezzo stracciato, destinato a gonfiarsi esageratamente in seguito.
Spesso i preventivi vengono mostrati con la voce “Iva Esclusa” o con la mancanza di materiale da imballaggio (fodere per materassi, celophanne e coperte professionali ) che l’azienda dovrebbe mettere a disposizione gratuitamente. Traslochi Boris, infatti seguendo una politica aziendale basata sul’onestà, include quanto è necessario per un servizio di trasloco con smontaggio e rimontaggio totalmente gratuitamente.
Purtroppo, la maggior parte delle altre ditte gioca sul non detto e fa ritrovare delle spiacevoli sorprese al cliente al saldo del trasloco. 
In merito a questo, è fondamentale porre quante più domande possibili sul non specificato.

3. INFORMARSI!

Conoscere equivale a vincere. Questa regola vale in ogni istante della propria quotidianità. L’ignoranza, infatti, non ha mai salvato nessuno.
E’ utile, quindi, ricercare quante informazioni possibili sulle aziende a cui ipoteticamente vorreste affidarvi.
Esistono numerosi canali a cui affidarsi, come internet o le opinioni di amici e parenti.
Traslochi Boris vanta esclusivamente valutazioni positive, grazie al suo modus lavorandi impeccabile. 

4. RICHIEDERE PIU' PREVENTIVI POSSIBILI

Non fermarti al primo preventivo ricevuto. Compara le varie voci presenti nelle differenti offerte di prezzo. Presta attenzione a cosa viene indicato in uno e cosa manca nell’altro.
Ricordati che L’IVA ammonta al 22%. Puoi trovarla dividendo il prezzo totale preventivo per 1,22 , se inclusa.
Invece, se l’iva non fosse indicata, sarà necessario moltiplicare per 1,22.

  1. Un esempio: 
    TOTALE PREVENTIVO: 500,00 € 
    In questo caso, se non è presente la voce “ivato”, significa che non è incluso.
    Moltiplicate, quindi, 500,00 x 1,22 = 610,00 €. Cioè, il prezzo che dovrete andare a pagare .

5. AFFIDARSI A DEI PROFESSIONISTI

Ogni lavoro va ai suoi esperti. Sarebbe paradossale richiedere ad un elettricista di aggiustare un lavandino , proprio come affidare un trasloco ad esperti improvvisati. La competenza di smontare e rimontare un mobile non può palesarsi all’improvviso. E’ solo grazie ad anni di esperienza che si comprendono le varie tipologie di mobili e come vanno maneggiati.
Per cui, non fidatevi di coloro che balbettano sulla facilità dell’impiego, perché non è affatto così.


6. PROCEDERE CON LARGO ANTICIPO O IN RITARDO

La fretta non è mai stata di aiuto a nessuno. Non partire esageratamente in anticipo per organizzare il tuo trasloco, in quanto potresti acquistare nuovi oggetti, soprammobili o vestiti che modificherebbero la mole di lavoro e creerebbero problemi ad una organizzazione già impostata.
In egual misura, aspettare l’ultimo momento per organizzarsi rischierebbe di non farvi rispettare eventuali scadenze (affitto, sfratto, ecc), dato che le aziende di traslochi potrebbero avere l’agenda piena. 
La giusta soluzione è disporre i preparativi al massimo due mesi prima.

7. NON COMUNICARE IL VALORE DI UN OGGETTO

Essendo le assicurazioni limitate ad un particolare e determinata categoria di oggetti, non indicare il valore di una statua, piuttosto che di un  armadio di inestimabile valore,  potrebbe rivelarsi pericoloso. Traslochi Boris, essendo un’azienda trasparente, nel caso in cui si rivelasse necessario e il cliente desiderasse avere maggiore tutela e sicurezza, propone un Assicurazione sui Preziosi. Un vantaggio, se si considera di dover traslocare un quadro di un importante pittore ottocentesco.